Homepage
Descrizione Architettonica

La villa presenta un impianto costituito da un corpo centrale a tre piani e due ali laterali che originariamente dovevano essere leggermente più basse, rispetto al prospetto centrale della facciata a sud.
Nel corpo centrale, che si presenta simmetrico rispetto a quelli laterali e privo di oggetti plastici, è situato l’ingresso al piano terra, con 5 assi di finestre di maggiore altezza al piano nobile.


L’imponente ingresso, con volte a crociera e decorazione sovraporta a forma di conchiglia da cui si diparte lo scalone che conduce al piano nobile ove trovarsi il grande salone delle feste tipico delle costruzioni nobiliari dell’epoca, è originale e presenta una pavimentazione in ardesia a spacco che ben si lega allo scalone anch’esso in ardesia levigata.


Al piano nobile, con accesso direttamente dall’ampio pianerottolo in cima allo scalone, trovasi un grande ed arioso salone centrale che presenta una pavimentazione in graniglia alla genovese, probabilmente eseguito in epoca successiva alla costruzione della Villa.


Anche le gallerie, nell’ala di levante, site al piano nobile ed al piano soprastante di cui la prima da accesso, tramite un terrazzo ed una scala marmorea ad una posizione del giardino sopraelevata rispetto al restante terreno che circonda la Villa, risultano ancora leggibili nelle loro caratteristiche originali.


Molto articolato risulta il lato esposto a nord, ove è inserita una Cappella con ingresso indipendente dalla crosa ed accesso interno anche dalla Villa.
Il movimento delle coperture, fortemente modificato nel tempo, appare oggi falsato dal volume centrale sopraelevato a terrazzo, probabilmente in epoca più recente, che interrompe irregolarmente la linea del colmo delle coperture delle due ali laterali.
La Villa consta di tre piani oltre ad un piano sottotetto.


Sul lato verso monte, a levante, come già accennato, trovasi il passaggio diretto al parco direttamente dal piano nobile, che, per il tramite di una scala marmorea, conduce ad una porzione del giardino, sopraelevata rispetto al terreno circostante e arricchita da molti alberi secolari; ippocastani e lecci di notevole altezza e con folte chiome.
Tutte le facciate ed i prospetti, da tutti i lati, sono decorate su fondo rosa genovese, con motivi e disegni in bianco con ombreggiature a finto rilievo.


Tutte le finestre risultano contornate e riquadrate da decorazioni e timpani triangolari e, solo sulla facciata sud in alcune finestre, anche tondi.
Il basamento e gli spigoli, su tutte le facciate, sono anch’essi decorati con finte modanature a rilievo e riquadrature.


Sulla facciata a sud e su quella ad est sono visibili i dipinti di grandi mascheroni decorativi.
L’ampio giardino che si estende principalmente su tre lati della Villa Ferretto, ne impreziosisce l’aspetto, e concorre a sviluppare l’imponenza e la gradevole lettura d’insieme di tutto il palazzo.

Presentazione
La Storia
L'Architettura